lunedì 4 agosto 2014

Al via il rilancio della scuola in Campania

Un programma di investimento di oltre 800 milioni di euro per 1000 scuole

827,3 milioni di euro, 1000 scuole, 3000 laboratori ed 800 mila studenti. Questi i numeri per il rilancio della scuola in Campana. Ebbene si, saranno oltre 1000 infatti, le scuole di primo e secondo ciclo che beneficeranno del corposo intervento che la Regione Campania ha programmato per il potenziamento e la riqualificazione del sistema scolastico regionale.
La programmazione è essenzialmente suddivisa in due fasi: La prima fase, denominata “Potenziamento e Riqualificazione”, ha visto mettere in campo 325 milioni di euro del POR FESR Campania 2007/2013 a valere sull’Obiettivo Operativo 6.3 “CITTA’ SOLIDALI E SCUOLE APERTE”. Nella seconda fase, identificabile con il nome “La scuola nell’accelerazione della spesa” i milioni messi a disposizione saranno ben 502,3.
Ma procediamo per gradi.
La Regione al fine di programmare gli interventi che intende finanziare con i ben 827,3 milioni di euro stanziati, individua in due distinti protocolli d’intesa, stipulati tra Autorità di Gestione del Por Fesr Campania, Ministero dell’Istruzione ed Università e Ricerca scientifica (MIUR), la natura stessa degli interventi e li distingue in “interventi finalizzati agli ambienti scolastici ed interventi finalizzati agli strumenti”. Nel primo protocollo d’intesa, oggetto di un finanziamento totale di 520 milioni di euro di cui sono stati già erogati 75 milioni di euro per ben 3.000 laboratori didattici, è previsto:
  • l’incremento delle dotazioni tecnologiche e delle reti per gli ambienti di apprendimento scolastico;
  • l’incremento del numero di laboratori tecnologici, multimediali e digitali per migliorare l’apprendimento delle competenze chiave (matematiche, scientifiche e linguistiche);
  • l’acquisto di apparecchiature finalizzate alla partecipazione di allievi diversamente abili.
Con il secondo protocollo d’intesa, oggetto di un finanziamento totale di 307,3 milioni di euro, di cui sono stati già erogati 42,5 milioni di euro, finalizzati a finanziare interventi per migliorare la sostenibilità ambientale e l’innovatività delle strutture scolastiche al fine di valorizzare l’offerta formativa delle scuole della Campania attraverso le seguenti azioni:
  • interventi per il risparmio energetico (impianti fotovoltaico, termico, isolamento verde etc.);
  • interventi per garantire la sicurezza degli edifici scolastici (impianti idrico-elettrici-rilevamento, scale emergenza, etc.);
  • interventi per aumentare l’attrattività degli Istituti scolastici (spazi interni ed esterni, segnaletica funzionale etc.);
  • interventi per garantire l’accessibilità a tutti degli Istituti scolastici (porte, arredi, infissi esterni, ascensore, piattaforma elevatrice, etc.);
  • interventi finalizzati a promuovere le attività sportive, artistiche e ricreative (impianti sportivi).
Quindi, tenuto conto che dai termini del bando si evince che dall’atto della stipula del contratto il termine massimo per la realizzazione dei su indicati interventi consta in 24 mesi, non ci resta che attendere che tali iniziative assumano in tempi brevi la dovuta concretezza.
Parafrasando J. Lubbock “la cosa importante non è tanto che ad ogni bambino debba essere insegnato, quanto che ad ogni bambino debba essere dato il desiderio d’imparare”.

di Gennaro Tullio

Nessun commento:

Posta un commento