giovedì 21 agosto 2014

Napoli troppo pericolosa? Londra non è da meno. La lettera all'ambasciatore britannico in Italia

di Alessia Nardone

Recentemente è stato pubblicato sul sito istituzionale del Ministero degli Esteri di Londra un avviso rivolto a tutti i turisti che volessero recarsi in Italia. ​Un vero e proprio allarme, un lungo documento in cui il governo inglese scrive senza mezzi termini che l’Italia è pericolosa. E che bisogna stare alla larga soprattutto da Roma e, manco a dirlo, da Napoli. Le risposte non hanno tardato ad arrivare sia dal Sindaco di Roma Ignazio Marino che dall’Assessore al Turismo Nino Daniele del Comune di Napoli.
 
Certo la nostra città, grande e confusionaria, non ha la presunzione di presentarsi come il paradiso terrestre della legalità, ma ha il diritto di essere equiparata a tutte le grandi metropoli. Chi viaggia molto sa bene che non esiste luogo in cui non è necessario tenere gli occhi sempre aperti e fare attenzione a truffatori e rapinatori. E se l’avviso in oggetto si fosse limitato a questo, ad un invito generico a prestare attenzione quando si visitano grandi città, nessuno avrebbe avuto niente da ridire ma così non è stato.

Tra gli avvertimenti che più hanno indignato infatti, c’è il pericolo di una presunta truffa dei pneumatici «diffidate delle offerte di aiuto per le gomme a terra, soprattutto lungo l’autostrada Napoli-Salerno. Talvolta i pneumatici vengono forati volontariamente» ma anche «chiudete sempre il vostro veicolo, non lasciate mai oggetti di valore in mostra ed evitate di lasciare i bagagli incustoditi in auto per un certo periodo di tempo anche perché le automobili, alle fermate di riposo e alle stazioni di servizio autostradali, sono facili obiettivi per i ladri».

E all’avviso «Inglesi attenti alle truffe. Napoli città pericolosa» l’Assessore Daniele in una lettera all’ambasciatore britannico in Italia, Christopher Prentice, risponde «Napoli non è certamente tra le città più pericolose del mondo, mentre, per esempio, Londra è nell’elenco, stilato da Tripadvisor, delle prime 10 città più pericolose d’Europa».

E chiarisce “il crescente incremento dei flussi turistici - in larga parte stranieri - diretti a Napoli, il picco di presenze nei mesi estivi, storicamente considerati di bassa stagione, indicano chiaramente che Napoli è ormai una meta turistica scelta e non più città di passaggio.

Questo dato ci rende orgogliosi e più che mai responsabili, vigili e attenti ad incrementare, dal nostro canto, i servizi di accoglienza e i dispositivi di sicurezza che Napoli, come ogni grande città del mondo, deve assicurare ai suoi cittadini e ai suoi ospiti.

Siamo consapevoli ed attenti alla sicurezza, tuttavia dalla stampa o addirittura da messaggi istituzionali provengono talvolta moniti allarmistici sulla città di Napoli, che risultano sproporzionati e non documentati.”

Poi, per evitare ulteriori “incidenti”, invita l’Ambasciatore Prentice a venire in visita a Napoli forse per rendersi conto del motivo che spinge i suoi connazionali ad avventurarsi in questo “pericoloso” viaggio e così facendo ristabilire una informazione più equilibrata.

Nessun commento:

Posta un commento