mercoledì 12 novembre 2014

Napoli: Paura al Vomero, ma i cittadini si ribellano

di Alessia Nardone

I cittadini napoletani dimostrano ancora una volta la volontà di ribellarsi alla camorra, uniti e senza paura. Questa volta la protesta nasce in due quartieri cosiddetti della “Napoli bene” scossi da un episodio che ha ferito e preoccupato molto tutti gli abitanti della zona.
 
Comunemente considerate zone “franche” rispetto alle faide di camorra, domenica 9 in tarda sera hanno assistito ad un misterioso agguato che appariva proprio come un avvertimento, una subdola manifestazione della presenza sul territorio di qualcuno a cui dover dar conto. Uomini a bordo di potenti moto, almeno tre, sfrecciando sulle strade che collegano i due quartieri hanno seminato il panico sparando all’impazzata. Proiettili sono stati trovati conficcati nella carrozzeria di numerose auto in sosta, in alcune vetrine di negozi e in un portone. Dalle prime impressioni dell’Arma militare dei Carabinieri, che sta eseguendo l’indagine, i colpi sono stati sparati ad altezza d’uomo. In molti hanno vissuto quei momenti di terrore, ai quali per fortuna o per “miracolo” – sarebbe il caso di dire – non sono seguite vittime. Sull’accaduto sono in corso le indagini per identificare i responsabili, anche avvalendosi della video-sorveglianza pubblica e privata presente in zona. Molti sospetti ricadono su quello che sembra essere stato un particolare accanimento dei malfattori su un palazzo e che guida verso una pista che riporta a due clan di camorra e che accende l'allarme rosso per una zona storicamente estranea alle faide riconducibili alla criminalità organizzata.
 
Le indagini sono ancora in corso ma i cittadini non perdono tempo e decidono di organizzare una passeggiata, da Piazza Immacolata a Piazza degli Artisti, per la legalità della quale si sono fatti promotori Libera e la FAI. L’iniziativa tenutasi il sabato successivo, ha goduto dell’adesione di tanti cittadini, oltre duecento i partecipanti, provenienti anche da altre zone della città. Presenti i rappresentanti delle forze dell'ordine di polizia e carabinieri.

Intanto il Sindaco Luigi De Magistris, sempre attento a queste tematiche, giustifica con queste parole la sua assenza: “Solo la concomitanza della firma del protocollo d'intesa per la Nunziatella - un atto di straordinaria importanza per la città - mi ha impedito di sfilare al Vomero assieme ai miei concittadini."

"Sono certo che le Forze dell'Ordine, che sono impegnate in prima linea nel garantire sicurezza ai cittadini, sapranno dare una rapida risposta sull'episodio assicurando alla giustizia i responsabili." Questo il commento finale del primo cittadino.

Ricordiamo questa passeggiata per ricordare tutte le manifestazioni, individuali e collettive, che hanno visto protagonisti i cittadini italiani, per sottolinearne l’onesta, la dignità, la saggezza e il coraggio.

Nessun commento:

Posta un commento