mercoledì 4 marzo 2015

Importante appuntamento a Città della Scienza. Per non dimenticare

di Gennaro Tullio

La cultura bussa alle porte della Città della Scienza il 4 marzo con un programma fitto di appuntamenti ed un unico obiettivo: non dimenticare il rogo che ormai due anni fa comportò la distruzione del centro culturale-scientifico-artistico di Bagnoli.

Città della Scienza ospiterà per l’occasione laboratori, incontri e una mostra fotografica in nome della cultura che abbatte la violenza e le usurpazioni. La giornata avrà inizio alle ore 10 e si entrerà subito nel vivo attraverso iniziative di animazione e approfondimenti scientifici; non mancheranno le visite guidate lungo tutto il polo di Bagnoli. Più tardi, nel pomeriggio, il centro si avvarrà della presenza istituzionale di nomi dell’Università, di centri di ricerca e di membri di associazioni il cui contributo simbolico rappresenta un segno forte di sostegno a Città della Scienza. 

Uno scorcio di Città della Scienza
Chi parteciperà potrà assistere a dimostrazioni ed esperimenti per conoscere da vicino le attività di nomi importanti dell’eccellenza in ambito scientifico nonché culturale del territorio partenopeo. Si chiude la giornata in musica sulle note del concerto proposto dalla Brigada Internazionale insieme a Daniele Sepe. Di notevole pregio la mostra che sarà inaugurata alle ore 18 dal titolo “Messa a fuoco” a cura di Antonio Biasiucci, Fabio Donato, Mimmo Jodice e Raffaela Mariniello dedicata a Città della Scienza. Questi quattro artisti ripercorrono attraverso il loro personale obiettivo i luoghi dove è avvenuto l’incendio e danno “voce” con le foto ad una tragedia dalle enormi proporzioni che in questo modo, attraverso questa mostra, si sofferma inevitabilmente con lo sguardo su quanto è accaduto per fermarne la memoria. 
 
Prosegue la giornata dedicata al ricordo con altri appuntamenti alle ore 18.45 dove sono previsti incontri con importanti esponenti della cultura del territorio. Prenderà la parola il Presidente di Città della Scienza Vittorio Silvestrini, seguiranno le testimonianze di Rosalia Vargas, Presidente ECSITE – Rete Europea dei Musei Scientific, di Adriano Coni, Direttore Segretariato Sociale Rai, del sindaco di Napoli Luigi de Magistris e del vicepresidente della Regione Campania Guido Trombetti. Alle 19 sarà proposto il dibattito sull’argomento: “Ripensare le città: dagli spazi vuoti all’economia della conoscenza”, affrontato da Franco Purini, professore de La Sapienza di Roma, in collaborazione con Ordine degli Architetti di Napoli e Provincia, COINOR, Dipartimento di Architettura e Scuola Politecnica delle Scienze di Base dell’Università di Napoli Federico II.

Nessun commento:

Posta un commento