lunedì 25 gennaio 2016

Campania: al 2° posto in Italia per i luoghi di cultura più visitati

di Maria Di Mare

Dalla recente pubblicazione della classifica dei musei italiani più visitati nel 2015, ad opera dell'Ansa, su base ISTAT, si nota un notevole e piacevole incremento del flusso di visitatori rispetto al 2014. Il luogo della cultura col maggior numero di visitatori è il Colosseo, che ha notificato oltre 6mln di ingressi, seguono gli Scavi di Pompei e gli Uffizi di Firenze, che hanno registrato, rispettivamente, quasi 3mln e 2 mln di visite. L'ultimo posto della top ten è occupato dalla Reggia di Caserta che per poco non giunge al mezzo milione di visitatori.

I dati sui visitatori nei musei italiani

Volendo riscrivere la classifica in base alla variazione della partecipazione del pubblico, la Reggia di Caserta è al secondo posto con un +16%, gli Scavi di Pompei sono al terzo con un +12%, e al primo posto il Museo Egizio di Torino che, dopo una riapertura successiva a dei lavori di restauro durati cinque anni, ha registrato, rispetto al 2014, un aumento degli ingressi pari al +33%.

Più in generale si stima a quasi 43 milioni il numero di visitatori presso i luoghi di cultura nell'anno appena trascorso, e questo non significa solo un aumento di tendenza, ma conferma un fenomeno già osservato nel confronto tra il 2013 e il 2014. Rispetto a due anni fa ci sono stati 4,5mln di visitatori in più, cioè un aumento del +12%, e solo in Campania il numero degli ingressi ha superato i 7 milioni. Una menzione speciale va al Museo Archeologico di Napoli che, seppure al 14 posto nella classifica nazionale dei luoghi più visitati, ha registrato quasi 15mila visitatori in più, elemento che gli ha fatto guadagnare posizioni nella top 30 rispetto al 2014.

A livello nazionale questi dati significano da un lato 155 milioni di euro di incassi, dall'altro un'assunzione di consapevolezza dei cittadini della bellezza e della storia che il nostro territorio ha da offrire. Il Ministro della cultura, Dario Franceschini, ha sottolineato anche l'importanza che questi dati hanno sul panorama internazionale poiché “siamo in controtendenza”, dichiara, rispetto ai dati della stampa estera.

Alcuni visitatori d'eccezione sono attesi poi alla Reggia di Caserta, come lo stesso Franceschini, il ministro della Difesa Roberta Pinotti e il Presidente del Consiglio Matteo Renzi, che la definisce “uno dei gioielli più incredibili del nostro Paese, con nuovi spazi messi a disposizione del circuito museale e della fruizione culturale dei cittadini”. Il direttore della Reggia Muro Felicori si ritiene soddisfatto dell'andamento dell'anno appena trascorso, anche perché tirando le somme la Campania si colloca al secondo posto in Italia, ma punta in alto e promette, entro la fine del suo mandato quadriennale (Felicori è entrato in servizio l'ottobre scorso) il raggiungimento del milione di visitatori annui. Molto soddisfatto si dichiara anche Paolo Giulierini, direttore del Museo Archeologico Nazionale di Napoli perché, ampliando lo sguardo sulla classifica, l'ente da lui diretto è 14° in relazione sia a musei, che parchi e monumenti, mentre restringendola ai siti museali e archeologici si colloca tra il quarto e il quinto posto. Infine anche Massimo Osanna, soprintendente degli Scavi di Pompei, ha dichiarato quanto questi dati sostengano la validità del percorso intrapreso l'anno passato e spingono e motivano a continuare in questa direzione anche per l'anno in corso.

Nessun commento:

Posta un commento