venerdì 26 febbraio 2016

La giornata internazionale della guida turistica

di Germana Guidotti

Lo scorso 21 febbraio si è celebrata la XXVII Giornata Internazionale della Guida Turistica, istituita dalla World Federation of Tourist Guide Association. L’iniziativa è sorta nel 1990 e in Italia l’evento è promosso da ANGT, Associazione Nazionale Guide Turistiche. Tutti gli eventi promossi dalle associazioni aderenti alla WFTGA si sono svolti tra venerdì 20 e domenica 22 febbraio. L’ obiettivo è quello di valorizzare la professionalità delle guide turistiche abilitate del nostro Paese, impegnate quotidianamente a presentare e raccontare ai visitatori-turisti di tutto il mondo il ricchissimo patrimonio storico, artistico, architettonico, archeologico, demo-etnoantropologico e culturale dei nostri territori.

Le Associazioni di Guide turistiche di tutta Italia hanno proposto, nel week end 20/21 febbraio, un fitto calendario di visite guidate gratuite, proprio in occasione della celebrazione di questa ricorrenza a livello mondiale. La finalità è stata chiara: avvicinare il più possibile il pubblico all’universo dei beni culturali, introducendolo alla scoperta di un viaggio esperienziale che in primis voleva essere momento di arricchimento umano e personale. Del resto, il programma ha inteso dimostrare come in ogni angolo del nostro Paese ci siano luoghi meravigliosi da ammirare, preservare, promuovere.

La Giornata Internazionale della Guida Turistica ha avuto anche lo scopo di sensibilizzare il pubblico e l’opinione pubblica tutta sui temi della qualità dei servizi erogati e dei diritti del consumatore di esigere che le visite guidate, in qualsivoglia luogo dell’arte, debbano essere sempre organizzate, curate, dirette e condotte da Guide Turistiche appositamente abilitate. Infatti, tale iniziativa, che vede tradizionalmente impegnate le Associazioni di Categoria delle Guide Turistiche, attraverso le visite da queste svolte, ha inteso far conoscere il ruolo di assoluta centralità spettante alle guide turistiche, nella corretta conoscenza delle bellezze dei monumenti e dei siti culturali, e nella promozione del territorio in cui esse operano. Le Guide Turistiche abilitate, in qualità di ambasciatrici della propria città-Regione, nell'illustrare ai visitatori italiani e stranieri i nostri Beni Culturali, hanno sottolineato una volta di più la necessità in primis della loro coscienza diffusa e in un secondo momento della loro tutela. Le iniziative messe in campo hanno avuto carattere di gratuità, ma in qualche caso può essere stata richiesta un’offerta, sotto forma di contributo facoltativo, finalizzata un progetto legato al recupero di un bene culturale, o per fini benefici.

In particolare, per la Campania il titolo dell’evento è stato: “Personaggi in cerca di Guida”. Gli itinerari proposti, circa una trentina, hanno avuto come leitmotiv un personaggio conosciuto o meno conosciuto legato alla storia della Campania che, in qualità di novello Cicerone, ha accompagnato i gruppi di visitatori in tutto il percorso di visita, intervenendo ed interagendo continuamente con questi. Gli itinerari hanno toccato tutte le varie provincie della Regione Campania che, per questa XXVII edizione, ha fornito il suo appoggio e il patrocinio morale unitamente al Comune di Napoli.

Questi gli itinerari di visita più significativi:

‘A passeggio con il Re Carlo III di Borbone’; ‘Da Partenope ai Pignatelli e a Lamont Young tra storia, architetture e mito’; I 150 anni della Sinagoga di Napoli – Percorso storico-culturale alla scoperta della storia della Sinagoga e degli ebrei di Napoli’; ‘Il principe magico, Raimondo de Sangro – Principe di Sansevero tra realtà e leggenda e la sua meravigliosa Cappella, trionfo del Barocco Napoletano’; ‘Napoli e i miracoli del sangue – Passeggiata da Porta San Gennaro al Duomo passando per la Cappella di San Gennaro fino ad arrivare alla chiesa di San Gregorio Armeno seguendo le tracce del Sangue Miracoloso’; ‘I tesori di Capodimonte’; ‘Il centro storico tra miti, leggende e religione – Napoli, città magica per eccellenza dove storia vera e leggende del passato si fondono alla perfezione. Dal Duomo a Piazza San Domenico Maggiore’; ‘Il cuore di Napoli: alla scoperta del rione Sanità - Itinerario nello storico quartiere napoletano, dal borgo dei Vergini al Cimitero delle Fontanelle’; ‘Il liberty da Via Palizzi alle rampe Brancaccio attraverso le scale del Petraio’; ‘Le meraviglie del Museo Archeologico’; ‘Next stop: Sguardo al futuro! Un viaggio tra le stazioni Università- Toledo- Municipio, per scoprire l’arte moderna integrata nella città di Napoli’; ‘Storie da una Capitale: il ‘300 angioino tra castelli e monasteri’; ‘Una Napoli da re: dal Castello al palazzo! Un itinerario guidato tra le regge della città, dal Maschio Angioino fino al Museo di Palazzo Reale’; ‘Una mattinata al Madre - Percorso guidato al Museo d’arte contemporanea di palazzo Donnaregina per ammirare le opere di alcuni tra protagonisti del panorama artistico internazionale degli ultimi 50 anni’; ‘Capuzzelle Senza Nome - Una toccante visita all’enorme caverna all’interno della quale per secoli sono stati conservati i resti mortali di migliaia di persone perite a causa di epidemie, terremoti, fame, povertà’.

Nessun commento:

Posta un commento