venerdì 26 febbraio 2016

Universiadi: sarà Napoli ad ospitarle nel 2019?

di Maria Di Mare

Mentre si conosce già la destinazione delle Universiadi del 2017, cioè Taipei, già si parla della possibile candidatura di Napoli come sede della XXX edizione delle Universiadi previste per il 2019.
E’ bene ricordare che le prime Universiadi, o Olimpiadi dello Sport, si tennero a Torino nel 1959 quando, dopo aver inizialmente pensato a Roma, si dovette optare per il capoluogo piemontese meglio attrezzato per ospitare l'evento. L'organizzazione che le pianifica, ormai da quasi sessant'anni, è la FISU, Federazione internazionale sport universitari. Fondata nel 1949, questa organizzazione ha lo scopo di promuovere lo sport universitario, non solo tramite le Universiadi ma anche attraverso i Campionati Mondiali Universitari.

Il logo della FISU

Le Universiadi hanno luogo ogni due anni e si presentano al pubblico sia in una veste invernale che in una estiva: la versione invernale dei giochi olimpici universitari si compone di almeno otto sport obbligatori e due opzionali, mentre quella estiva di dodici sport obbligatori ed un massimo di tre opzionali. L'edizione del 1959 fu organizzata dal dirigente sportivo Primo Nebiolo, durante quell'occasione furono adottate anche la bandiera ufficiale, contraddistinta da una U contornata da sette stelle, e l'inno ufficiale Gaudeamus Igitur. L'edizione invernale di Trentino 2013, invece, è stata quella dei record, con oltre 3000 atleti e 55 nazionalità in gara.

Ad oggi l'Italia è la nazione che registra il maggior numero di edizioni come nazione ospite, avendo accolto i giochi per ben dieci volte, quattro per quelli invernali (1959, 1970, 1973 e 1997) e sei quelli estivi (1966, 1975, 1985, 2003, 2007 e 2013), e nuovamente rilancia candidando Napoli come città ospite per le prossime Universiadi estive del 2019. Già il Presidente del Consiglio regionale della Basilicata ha appoggiato la candidatura con parole piene di speranza e intravedendo nelle Universiadi a Napoli un'occasione per la risalita del Mezzogiorno, quest'ultimo descritto come un trampolino per la crescita economica dell'Italia, unitamente alla nomina di Matera come Capitale della cultura.

Il 13 febbraio scorso anche il nostro Premier Matteo Renzi ha appoggiato la candidatura di Napoli in maniera ufficiale, con una lettera indirizzata ai presidenti di FISU e CUSI, consultabile sul sito della regione Campania e che qui riportiamo:

“Cari Presidenti,

il Presidente Vincenzo De Luca mi ha comunicato che intende formalizzare la candidatura della Regione Campania ad ospitare le Universiadi, edizione 2019.

Voglio esprimere compiacimento e condivisione di tale candidatura, considerato il contributo che tale manifestazione potrà arrecare alla promozione e allo sviluppo di Napoli e dell’intera Regione.

Confido che i competenti organi della Fisu vogliano valutare positivamente tale candidatura, per lo svolgimento di un evento cui guarda con vivo interesse anche il governo nazionale.”


Nell’attesa di scoprire quale sarà il verdetto, prepariamoci a godere le prossime Universiadi estive a Taipei e quelle invernali a Almaty, nel 2017.

Nessun commento:

Posta un commento