mercoledì 21 settembre 2016

Salute mentale: in Campania oltre 60.000 anziani con demenza

di Massimiliano Pennone

Pochi giorni dopo la Giornata Mondiale dedicata all’Alzheimer, fa tappa nella città partenopea il progetto formativo itinerante promosso dall’Associazione Italiana Psicogeriatria (AIP). Oltre 650 Medici di Medicina Generale coinvolti in tutta Italia, 13 eventi residenziali previsti in 13 Regioni. L’obiettivo degli organizzatori è quello di provare a diffondere sul territorio la conoscenza del Piano Nazionale Demenze, favorendo una gestione appropriata di queste invalidanti patologie, che colpiscono 1,2 milioni di italiani, con costi socio-sanitari per 10-12 miliardi di Euro l’anno. 

Il progressivo invecchiamento della popolazione ha comportato secondo gli esperti, un aumento dei disturbi cognitivo-comportamentali di natura neurodegenerativa, destinati ad acquisire in futuro sempre più rilevanza. Tra le sindromi neuropsichiatriche più comuni vi sono le demenze: con una prevalenza del 5-8% negli over 65, colpiscono 1,2 milioni di italiani (più di 60.000 in Campania) e, in circa il 15-25% dei casi, possono associarsi a depressione.

Nella presa in carico del malato di demenza, dal riconoscimento dei primi sintomi al trattamento a lungo termine, il Medico di famiglia è una figura cruciale all’interno della rete integrata di servizi sul territorio. A lui è dedicato il progetto di formazione itinerante “Piano Nazionale Demenze, nuovi scenari di cura”, che arriverà a Napoli (presso l’Hotel Royal Continental) il 23 e 24 settembre, a pochi giorni dalla celebrazione della XXIII Giornata mondiale dell’Alzheimer (21 settembre).

L’iniziativa, promossa dall’Associazione Italiana Psicogeriatria con Angelini, azienda da anni impegnata a tutela della salute mentale dell’anziano, prevede un ciclo di 13 eventi ECM locali in 13 Regioni italiane, da maggio a novembre. Obiettivo: raggiungere oltre 650 Medici di Medicina Generale, ai quali presentare i contenuti e le finalità del recente Piano Nazionale Demenze, per suggerire un più corretto approccio diagnostico-terapeutico al problema. All’evento di Napoli parteciperanno 60 Medici di famiglia provenienti da tutta la Regione.


Nessun commento:

Posta un commento