venerdì 16 dicembre 2016

EasyJet: da Napoli 9 nuove destinazioni internazionali

di Massimiliano Pennone

EasyJet, la compagnia aerea low cost britannica ha deciso di aumentare la propria presenza nella città di Napoli del 17% durante il prossimo anno, confermandosi quindi il vettore più importante dello scalo partenopeo. Secondo il piano di investimenti previsto, infatti, nell'Aeroporto di Capodichino verranno creati 70 nuovi posti di lavoro nel corso del 2017. Numeri che rientrano nel più grande piano della compagnia per il nostro Paese, che genererà un totale dell’8% in più nella crescita degli investimenti e 53 nuovi aeromobili, che collegheranno gli aeroporti italiani fra loro e con gli altri scali europei. 

Easyjet opera in Italia da dieci anni, con oltre 113 milioni di passeggeri trasportati e 1.100 dipendenti assunti con contratti italiani. Gli sforzi del nuovo piano si concentreranno però soprattutto sugli hub di Capodichino, Malpensa e Venezia, rispondendo di fatti al competitor Ryanair, che ha da poco annunciato l’apertura delle rotte da Napoli. Questi investimenti si prevede porteranno 1,4 milioni di posti offerti in più rispetto al 2016, per un totale di 19 milioni di passeggeri trasportati.

In particolare, a Napoli, verranno inaugurate 9 nuove destinazioni internazionali, (tra cui Amsterdam, Barcellona, Cracovia, Praga e Vienna). In totale saranno 37 le destinazioni verso l’Europa dallo scalo napoletano. Investimenti che non significano soltanto nuovi posti di lavoro e più viaggiatori da Napoli e dalla Campania, ma anche più turisti che potranno scegliere la città come meta per le loro vacanze sfruttando le tariffe convenienti del vettore d’oltremanica.

E’ proprio EasyJet, infatti, a presentare le cifre dello studio affidato alla società Sociometrica sull'andamento del 2016: 15 milioni e 518 mila passeggeri trasportati hanno generato un impatto di valore per 7 miliardi e 253 milioni di euro e 209.000 posti di lavoro equivalenti. 

Proprio per questo, quindi, il lancio delle nuove destinazioni è cominciato con una partnership fra EasyJet ed il Museo Archeologico Nazionale, che quest'anno ha fatto registrare il record di visitatori arrivando quasi a 500 mila presenze durante il 2016.

Per noi è un orgoglio questa presenza così massiccia di EasyJet a Napoli. In città stiamo vivendo una stagione nuova. I turisti negli ultimi anni sono praticamente raddoppiati. Napoli si sta affermando come una realtà importante in questo senso”, sono state le parole di Paolo Giuliarini, nuovo direttore dell'Archeologico che era presente alla presentazione del nuovo piano di EasyJet.

Presenti anche il Ministro dei Trasporti Graziano Delrio e Gabriel Zuchtriegel, direttore del Parco Archeologico di Paestum, che ha ricordato come i trasporti siano fondamentali per guidare il turismo ed ha aperto a nuove partnership con altri operatori: “Insieme a Trenitalia faremo in modo che a Paestum si fermino anche gli Intercity già da metà dicembre. E anche il prossimo anno continueremo con le nostre aperture serali”.

Nessun commento:

Posta un commento