lunedì 30 ottobre 2017

Istruzione e formazione: le competenze necessarie al personale docente

di Teresa Uomo

La crescita del Paese - e del suo capitale umano - richiede un sistema educativo di qualità, che guardi allo sviluppo professionale del personale della scuola come ad un obiettivo strategico, di respiro internazionale, ripreso e valorizzato dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR). Di docenti se ne incontrano tanti. Conducono lavori splendidi, dimostrano dedizione e passione per la propria professionalità. Ci sono insegnanti che, con rammarico, lasciano le famiglie e gli affetti in luoghi lontani per spostarsi altrove.

Una formazione adeguata e possibilmente permanente è l’unica strada per mantenere alto il livello della nostra scuola e il prestigio professionale degli insegnanti. Bisogna avere l’idoneità vera e comprovata a svolgere questa delicatissima e complessa professione. C’è bisogno di insegnanti che si prendano cura dei loro allievi, di professionisti autorevoli in classe. Docenti che sappiano entrare in un ciclo vitale di crescita culturale. 

Per costruire un tale profilo professionale sono necessarie competenze riconducibili prevalentemente a cinque aree di saperi

1. Le competenze disciplinari, ovvero quel bagaglio culturale che ogni docente deve possedere relativamente alle materie di insegnamento. Tali conoscenze dovranno essere solide e ben strutturate. 

2. Le competenze epistemologico-didattico-disciplinari, che corrispondono alla capacità di utilizzare le competenze disciplinari ai fini educativi: saper padroneggiare le proprie conoscenze a seconda dell’età dei ragazzi, degli obiettivi stabiliti, dei ritmi di apprendimento, dei loro interessi. 

3. Le competenze psico-pedagogiche, necessarie per entrare in rapporto con gli allievi, per realizzare una buona comunicazione didattica, una proficua relazione educativa; per riconoscere i problemi e saperli gestire. 

4. Le competenze organizzative, fondamentali per costruire il proprio percorso di lavoro con i colleghi, con i propri alunni, con l’extrascuola. 

5. Le competenze di ricerca e sperimentazione, indispensabili a ridisegnare il profilo professionale del docente e ad individuare i percorsi didattici più efficaci, le metodologie e le strategie più utili, anche ai fini del sostegno e del recupero. 

Saper insegnare presuppone, quindi, un profilo complesso che non si improvvisa, né si costruisce in astratto: è il risultato di un faticoso cammino che deve essere perfezionato nelle relazioni quotidiane con i propri alunni, e in una ricerca e in un confronto continuo con i propri colleghi.


Nessun commento:

Posta un commento