venerdì 15 dicembre 2017

Inglese, Arabo o Cinese: quale sarà la lingua del futuro?

di Teresa Uomo


Se ci ponessimo una domanda: l’inglese è considerata una lingua internazionale? Cosa potremmo rispondere? Certo che lo è! Senza dubbio non si può dire il contrario. Ecco però che al contempo giunge una riflessione perchè, guardando al futuro, dalle tendenze emerge che le lingue che domineranno il mondo saranno le lingue orientali, tra cui l’arabo e il cinese. Ciò è influenzato anche dal mondo del lavoro, dove pare che questi idiomi siano molto richiesti. 

Volente o nolente, dobbiamo fare i conti con la Cina che di anno in anno cresce sempre più come super potenza economica. Terza nella classifica del nostro import ed ottava per l’export. La Cina è un colosso dell’economia contemporanea e continuerà ad espandersi sia dal punto di vista economico che culturale. A tal proposito, sembra evidente quanto sia importante conoscere questo idioma.

E l’arabo?! Certo che dal punto di vista dei nostri scambi economici è forse meno presente. È però una lingua molto importante, molto diffusa, ed è parlata da più di 300 milioni di persone ed è una delle lingue ufficiali delle Nazioni Unite. Si parla in diversi paesi: Arabia Saudita, Algeria, Bahrein, Ciad, Egitto, Emirati Arabi, Isole Comore, Iraq, Giordania, Kuwait, Libano, Mauritania, Marocco, Oman, Palestina, Qatar, Siria, Somalia, Sudan, Tunisia, Yemen, Gibuti, ed altre regioni africane ed asiatiche. Conoscere la lingua araba aiuterà maggiormente da un punto di vista lavorativo. 

L’arabo ed il cinese potrebbero evolversi e diventare lingue più “veloci” ed “immediate”, da usare molto nel mondo del lavoro, dove pare che questi idiomi siano molto richiesti. È evidente che in un contesto sempre più globalizzato, conoscere una o più lingue non è solo un “quid” in più, ma è addirittura necessario per lavorare, studiare, viaggiare e comunicare.

La crisi occupazionale che coinvolge particolarmente i giovani italiani spinge a trovare una miglior soluzione possibile all’estero. Le ricerche dimostrano che a fare la differenza è spesso la conoscenza di una o più lingue straniere. Se diamo dunque un’occhiata agli annunci economici sulle offerte di lavoro ci rendiamo subito conto che viene richiesta sempre più la conoscenza delle lingue, ed ecco che la scarsa conoscenza delle lingue straniere non permetterebbe comunicazione ed apertura mentale per uno scambio culturale. L’importanza della conoscenza delle lingue straniere è quindi sinonimo di comunicazione, condizione fondamentale per l’umanità.



Nessun commento:

Posta un commento