mercoledì 31 ottobre 2018

Grandi festeggiamenti per i 179 anni della Napoli Portici

di Luigi Rinaldi

La locomotiva Bayard
Il Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa nei giorni scorsi ha celebrato i 179 anni della Napoli – Portici, con una serie di iniziative culturali e ludiche. 

Al centro dei festeggiamenti la data storica del 03 ottobre del 1839, quando la locomotiva Bayard inaugurò la storia delle Ferrovie Italiane percorrendo i binari, con a bordo Re Ferdinando II di Borbone e la Famiglia Reale

Per l’occasione, il sito di Pietrarsa ha aperto le porte a grandi e piccoli, con laboratori didattici, la mattina, e momenti di approfondimento il pomeriggio, con l’intervento di esperti sulla prima linea ferroviaria Napoli – Portici – Nocera Inferiore

Spazio anche al progetto “Lo Yoga per i Musei, i Musei per lo Yoga” e a performance teatrali con dinosauri, burattini e pupi storici. Molto suggestivo il “Gran Ballo Borbonico” nei viali del Museo e quello nella Sala delle Locomotive a Vapore

Le celebrazioni si sono chiuse domenica 7 ottobre con 'Una clessidra tra i binari', visita interattiva alla ricerca della “chiave virtuale”, e poi racconti danzanti di viaggiatori e infine il “Crucitreno”, un percorso didattico itinerante. Come evidenziato dal direttore del sito museale, Oreste Orvitti, la linea su cui è posta, la Napoli - Portici, fu la prima ad essere realizzata e percorsa da un treno nel nostro Paese rappresentando, per tecnologia ed ingegno, punto di partenza della storia non solo dei ferrovieri, ma di un'intera nazione che il 3 ottobre 1839 si avviò a diventare un territorio sempre più connesso e unito anche grazie ai collegamenti su rotaia. 

Con i cinque giorni di eventi, workshop, mostre, concerti, spettacoli che hanno visto la partecipazione anche di molte scuole, la Fondazione FS e la direzione del Museo hanno inteso rendere omaggio ai ferrovieri del passato e del presente divulgando, in clima festoso, la cultura ferroviaria che ha consentito di raggiungere traguardi importanti e portare le ferrovie italiane a livelli di eccellenza riconosciuti in tutto il mondo. 



Nessun commento:

Posta un commento