mercoledì 31 ottobre 2018

L'esistenza senza tregua dell'Ospedale del Mare

di Antonio Cimminiello 

Ospedale del mare
Sembrava che con l'apertura -seppur parziale- dell'Ospedale del Mare di Napoli fosse finalmente conclusa l'odissea che da anni accompagna la nascita e completamento del nosocomio che doveva rappresentare uno dei fiori all'occhiello della sanità campana, con l'importante obiettivo di "alleggerire" il lavoro degli altri ospedali napoletani notoriamente in difficoltà. 

Ed invece proprio negli ultimi tempi -quando in dirittura d'arrivo è l'apertura "completa" del presidio sanitario- si sono susseguite una serie di vicissitudini, che hanno spaziato negli ambiti più vari. Si parte a Luglio scorso con lo "scandalo" della presunta chiusura anticipata del Reparto di Chirurgia Vascolare, ed annesso "spostamento" dei degenti, per permettere lo svolgimento di una festa per celebrare la nomina a primario del reparto del Dott. Francesco Pignatelli. La notizia diventa di dominio pubblico e non manca di produrre i suoi strascichi, tra cui la revoca dall'incarico dello stesso Dott. Pignatelli. 

Quella che sembra una presunta vicenda "colorita" di malagestione viene purtroppo seguita a ruota da altro episodio ancora più grave, e cioè l'allagamento ad inizio Settembre -molto probabilmente doloso- che mette k.o. il complesso dei locali sovrastanti il Pronto Soccorso. 

Ancor più grave è il fatto che tutto ciò avvenga a pochi giorni dall'inaugurazione in pompa magna alla presenza del Governatore della Campania Vincenzo De Luca. Tutto finito? E invece no, perchè a questo punto tocca intervenire alla magistratura partenopea: nel corso di un'indagine antidroga emergono le dichiarazioni del collaboratore di giustizia Vincenzo Sarno, che lasciano intendere il verificarsi di presunte irregolarità nella esecuzione di alcuni appalti per le attività relative alla realizzazione dell'Ospedale (nello specifico si tratterebbe dell'avvenuto pagamento di alcune somme estorsive, avvenuto intorno al 2010). 

Insomma, anche se ormai parliamo di una struttura esistente e non più solo sulla carta, continua a non esserci pace per l'Ospedale del Mare, nonostante con lo stesso "abbiamo voltato pagina", parole del Governatore De Luca. Se è vero infatti che alcune delle vicende prima descritte a più riprese negli ultimi anni hanno caratterizzato in genere la malasanità in Campania, è anche vero che le stesse nello specifico vanno "solo" ad aggiungersi a quelle che da anni già affliggono il nosocomio di Napoli est, nato a distanza di notevole tempo dalla progettazione e tra lungaggini e non facili "ostacoli" di ogni sorta.


Nessun commento:

Posta un commento