martedì 26 marzo 2019

Sicurezza nelle scuole: arrivano i fondi

di Antonio Cimminiello

La “mancanza di soldi” ha rappresentato da tempo immemore il leitmotiv richiamato dalle istituzioni ogniqualvolta fosse emerso un qualsiasi disservizio. Ma quando l’anomalia riguarda le infrastrutture, e soprattutto quelle strategiche, non appare più possibile trincerarsi dietro questa motivazione. Proprio in questi giorni si registra un’importante accelerata da parte della Città Metropolitana di Napoli in ordine al discorso relativo alla sicurezza nelle scuole. 

Il riferimento è in particolare alla garanzia della solidità strutturale degli edifici scolastici. L’ente presieduto dal Sindaco di Napoli Luigi de Magistris nello specifico ha previsto per i prossimi mesi lo sblocco di una serie di fondi, pari complessivamente a 130 Milioni di Euro circa, che saranno destinati al finanziamento di una serie di interventi in materia di edilizia scolastica, che andranno dalla costruzione di nuove scuole alla messa in sicurezza di quelle già preesistenti. 

Già in precedenza la Città Metropolitana aveva stanziato una serie di fondi (circa 30 Milioni di Euro) per attività settoriali, come videosorveglianza e manutenzione straordinaria. Una serie di ostacoli burocratici invece in passato aveva “bloccato” i fondi restanti, rappresentando questi ultimi infatti per lo più tecnicamente “avanzi di amministrazione”, per lungo tempo oggetto di un divieto di spesa nel rispetto dei vincoli di bilancio che solo di recente è venuto meno in virtù di una sentenza della Corte Costituzionale. L’intervento della Consulta, unitamente ad alcuni episodi senza dubbio allarmanti (come ad esempio il recente crollo di parte della contro soffittatura nell’Istituto “Viviani” di Castellammare di Stabia), hanno così contribuito all’accelerata da parte dell’Ente di Palazzo Santa Maria La Nova

Lo sblocco dei fondi arriva in un contesto, quello campano, dal considerevole fabbisogno in materia – si parla di più di 2 Miliardi di Euro - ma dove comunque non sono mancate nel recente passato analoghe iniziative adottate dalle altre istituzioni: tra le più recenti si ricorda l’approvazione nel 2018 della graduatoria per la concessione da parte della Regione di contributi straordinari agli enti locali – per un totale di circa 13 Milioni di Euro- per la messa a norma antincendio degli edifici scolastici. Lo svincolo dei 130 Milioni di Euro da parte della Città Metropolitana di Napoli sarà seguito dall’avvio delle procedure di appalto dei lavori così finanziati, procedure per le quali si teme come al solito un’eccessiva lunghezza, unitamente ad altri problemi, quale può essere l’assenza di una considerazione veramente approfondita delle necessità delle singole scuole, come evidenziato dal consigliere metropolitano David Lebro. Il ricordo di vicende dolorose – su tutte i crolli della scuole a San Giuliano di Puglia e Rivoli con la morte sotto le macerie di studenti e personale scolastico - impone però di mettere alle spalle ogni lungaggine. 



Nessun commento:

Posta un commento